Di seguito troverai la soluzione per la definizione ✓ Roccia usata per vasi e pentole. In alto puoi cercare le altre risposte che ti mancano per completare giochi enigmistici.

Ecco la soluzione di 12 lettere per risolvere i Cruciverba de La Settimana Enigmistica e altre riviste di parole crociate.

Soluzione : PIETRA OLLARE

La pietra ollare è una roccia usata per vasi e pentole particolarmente tenera, composta essenzialmente da talco.

Il termine “pietra ollare” comprende rocce metamorfiche di tipo prevalentemente ultrabasico. Dal punto di vista fisico hanno delle caratteristiche specifiche, in quanto sono sia resistenti che morbide, quindi abbastanza facili da modellare con semplici attrezzi. Inoltre, queste rocce hanno un’elevata capacità termica.

Le pietre ollare sono ultramafiti contenenti principalmente talco, clorite, anfiboli, pirosseni, ossidi (piriti e magnetiti), carbonati, olivina, serpentina e miche nere.

La formazione e il posizionamento di questo tipo di roccia richiede condizioni specifiche, il che spiega la sua rarità (meno dell’1% delle rocce alpine). L’origine primaria è nel mantello, condizioni di alta pressione e temperatura. Durante i vari movimenti legati alla formazione dell’arco alpino, alcune di queste rocce possono raggiungere la superficie, principalmente per obduzione.

Le forti sollecitazioni tettoniche che accompagnano lo spostamento verso la superficie determinano geometrie il più delle volte lenticolari e zonate, la zona di reazione tra la roccia ultramafica di origine e l’ospite rappresenta quella che comunemente viene chiamata “pietra ollare”.

I processi di approvvigionamento del gas, riequilibrio petrolchimico e modifiche geometriche avvengono a profondità comprese tra 10 e 20 km circa. L’erosione e l’obduzione di alcune lastre e massicci portano finalmente in superficie questo materiale.

 
Lascia un commento 0